ita-IT
12/07/2022
Pubblicazioni economiche

Studio sui pagamenti in Asia nel 2022

Studio sui pagamenti in Asia nel 2022

Il 2021 è stato caratterizzato da una ripresa economica a singhiozzi tra nuovi focolai di varianti di COVID-19, che hanno spinto le imprese dell'Asia-Pacifico verso condizioni creditizie accomodanti. Secondo l’ultimo studio di Coface sul comportamento di pagamento delle imprese in Asia nel 2022, i termini di pagamento medi sono aumentati da 68 giorni nel 2020 a 71 nel 2021, dal momento che più aziende hanno venduto con termini di credito più lunghi. Su 13 settori, solo il tessile e l'energia hanno registrato una riduzione delle condizioni dei termini di pagamento a causa dell’incremento dei prezzi degli input, in particolare dell'energia e delle fibre, esercitando una maggiore pressione sui costi in entrambi i settori.

Il miglioramento delle condizioni economiche nel 2021 ha contribuito a un notevole calo della durata dei ritardi di pagamento in tutta l'Asia-Pacifico, passando da 68 giorni in media nel 2020 a 54 giorni nel 2021, il livello più basso in 5 anni. La percentuale di intervistati con ritardi di pagamento è rimasta stabile al 64% contro il 65% dell'anno precedente. Tra le nove economie prese in esame, i ritardi di pagamento si sono ridotti maggiormente in Malesia e Singapore. Al contrario, la Cina è stato l'unico paese che ha registrato un aumento dei ritardi di pagamento ed è stato anche il paese con i ritardi medi di pagamenti più lunghi.

L’indagine ha evidenziato alcune preoccupazioni: la percentuale di intervistati che ha segnalato un rialzo dei ritardi di pagamento è salita al 35% nel 2021, contro il 31% dell'anno precedente; inoltre, sempre più aziende hanno dichiarato ritardi di pagamento prolungati superiori al 10% del fatturato annuo, in primis la Cina, dove la quota già elevata del 27% nel 2020 è cresciuta fino al 40% nel 2021. La percentuale di ritardi prolungati ha subito un lieve incremento in Australia e India, mentre si è stabilizzata o è diminuita nelle altre sei economie, con un calo significativo a Hong Kong. La maggior parte di questi pagamenti non viene mai saldata, di conseguenza i rischi di flusso di cassa tendono ad aumentare quando i ritardi prolungati rappresentano oltre il 2% del fatturato annuo di un'azienda.

Sebbene la maggior parte degli intervistati abbia mostrato ottimismo sulle prospettive economiche, con il 71% che prevede un miglioramento della crescita economica nel 2022, si evidenziano crescenti rischi al ribasso per la crescita. Le continue interruzioni della catena di approvvigionamento, l'escalation delle tensioni geopolitiche, l'impennata dei prezzi delle materie prime e l'aumento dei tassi di interesse hanno ridotto le aspettative commerciali di un numero maggiore di aziende, mentre un minor numero di intervistati prevede un miglioramento delle vendite e della liquidità per il prossimo anno. Lo studio di Coface sul comportamento di pagamento in Asia nel 2022 è stato condotto tra novembre 2021 e febbraio 2022, interessando quasi 2.800 aziende di nove mercati e 13 settori situati nella regione Asia-Pacifico.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Scarica questa pubblicazione : Studio sui pagamenti in Asia nel 2022 (911,18 kB)

Contatti


Antonella VONA

Direttore Marketing & Comunicazione
TeL. : +39 (02) 48 33 56 40 
Email: antonella.vona@coface.com 

Top