ita-IT
27/07/2022
Blog articles

Gestione del rischio di credito: come evitare guai finanziari

Gestione del rischio di credito

Senza una valida gestione del rischio di credito, i mancati incassi di fatture con pagamenti dilazionati possono diventare insostenibili e le conseguenze sulla liquidità aziendale possono provocare veri e propri guai finanziari.

Il Rapporto CERVED PMI 2021 riporta che nel 60-70% dei casi piccole, medie e grandi imprese italiane hanno concesso tra 30 e 90 giorni di tempo medio di pagamento. Nel 15% circa sono stati superati i 90 giorni.

Per cercare di evitare i rischi dei famigerati insoluti, l’assicurazione dei crediti è una valida soluzione. Tiene conto sia delle dilazioni concesse per acquisire/mantenere la clientela, sia della necessità di proteggere l’azienda da mancati incassi delle fatture.

Come aumentare il fatturato con una valida gestione del rischio di credito

Assicurare i crediti delle vendite dilazionate ad altre imprese rappresenta un formidabile strumento di difesa dagli insoluti. Oggi diverse assicurazioni online ben strutturate affiancano le aziende nella gestione del rischio di credito.

Per conoscere il costo annuo, basta fornire poche informazioni in un sito Internet. Fatturato, dimensione del portafoglio e settore di attività sono tra i dati sufficienti a ricevere una proposta.

Il premio non comprende solo la copertura economica che protegge da guai finanziari, ma anche altri fondamentali servizi di consulenza aziendale con formule del tipo “tutto compreso”.

 

Perché essere informati aiuta a evitare guai finanziari

Quando i responsabili commerciali contattano nuove aziende, fanno proposte appetibili per concludere la vendita. Se i pagamenti prevedono dilazioni, si affrontano rischi di mancati incassi alle scadenze.

Per questo, chi si occupa di assicurare crediti fornisce anche servizi informativi sulla solvibilità dei potenziali nuovi clienti. Ricevendo notizie affidabili, grazie a banche dati continuamente aggiornate, si può stabilire con maggior consapevolezza se avviare o meno un nuovo rapporto di affari.

La polizza copre sia le vendite nel mercato interno, sia quelle destinate all’esportazione. I servizi sono erogati via Internet, perciò si può accedere a informazioni aggiornate dovunque, in modo sicuro.

Informazioni per una più affidabile gestione del rischio di credito sono fornite anche per i clienti già acquisiti, in modo da tenerli sempre sotto controllo. Un imprevisto, infatti, può capitare anche a un’azienda a cui si fattura da anni.

 

Quali altri vantaggi comporta l’assicurazione dei crediti

A seguito di attente valutazioni, l’assicurazione indica l’importo massimo del credito associato a ogni cliente, entro cui mantenere l’ammontare delle forniture, per godere di diversi vantaggi.

Grazie alle analisi che hanno portato all’affidamento, l’impresa può aspettarsi di ricevere pagamenti puntuali alle scadenze concordate. Incassi puntuali, peraltro, stabilizzano i flussi di cassa, riducendo l’accesso agli onerosi crediti bancari.

Con le garanzie dall’assicurazione, si possono anche evitare richieste di lettere di credito o di fidejussioni bancarie, risparmiando spese e tempo dei rapporti con i funzionari.

Nel caso di insoluti, è l’assicurazione stessa a occuparsi del recupero crediti, attivando la propria rete di esperti internazionali, per intervenire in Italia e all’estero.

Quando i crediti diventano inesigibili, la polizza rimborsa la perdita subita, evitandone l’esposizione nel bilancio. Dal punto di vista fiscale, i premi versati per le polizze di assicurazione dei crediti sono deducibili.

Avendo attivato un’affidabile gestione del rischio di credito, poi, si possono chiedere migliori condizioni alle banche. I risparmi possono essere investiti in macchinari e nell’innovazione tecnologica dei processi produttivi.

 

Ecco la carta vincente per la tranquillità dell’impresa

La carta vincente delle imprese di assicurazioni più avanzate è la presenza di analisti esperti nelle valutazioni del portafoglio clienti. Sull’affidabilità incidono situazioni geopolitiche, il settore di appartenenza, i pagamenti effettuati nel tempo. Partendo da questi dati, un consulente finanziario concorda le migliori linee di comportamento con i responsabili aziendali.

Grazie alla capacità predittiva delle strutture assicurative, alle valutazioni degli analisti, all’attività di recupero crediti e, non ultimo, all’indennizzo degli insoluti inesigibili, la proprietà e i dirigenti dell’azienda possono sentirsi più sicuri. Il patrimonio aziendale si consolida e rimane più protetto.

Con una valida gestione del rischio di credito, quindi, l’azienda diventa più solida e può continuare nel suo percorso di crescita.

Top