ita-IT
28/07/2020
Pubblicazioni economiche

Focus sull’Europa centro-orientale

Focus sull’Europa centro-orientale

DELOCALIZZAZIONE DELLA PRODUZIONE POST-PANDEMIA: UN’OPPORTUNA PER I PAESI DELL’EUROPA CENTRALE E ORIENTALE?

Prima dell’arrivo della pandemia in Europa, in Cina, il blocco delle fabbriche con la sospensione temporanea della produzione ha messo a rischio la fornitura di beni intermedi. Al fine di limitare questi rischi, è probabile che i responsabili delle filiere diversifichino le fonti di approvvigionamento. Probabilmente la Cina non perderà la propria posizione di fornitore globale, mentre le conseguenze della pandemia potrebbero offrire alcune opportunità per i paesi dell'Europa Centrale e Orientale (CEE) in questo processo di diversificazione, con una quota maggiore nelle filiere globali.

Negli ultimi anni, il commercio estero e l’inclusione nelle catene di approvvigionamento erano già aumentati. Il processo è stato supportato dall’accesso all’adesione all’Unione Europea dalla maggior parte dei paesi CEE nel 2004. Inoltre, manodopera qualificata, prossimità geografica con l’Europa occidentale, costi di manodopera bassi, infrastrutture relativamente buone e contesto imprenditoriale stabile hanno attratto diversi investimenti. Recentemente, la CEE è diventata una “catena di montaggio” per le imprese dell’Europa occidentale allo scopo di evitare di rimanere nella catena del valore basso della produzione. La regione potrebbe essere ben posizionata nella valutazione post-crisi delle catene del valore globali e del loro potenziale trasferimento.

Competere con costi di manodopera più bassi rispetto all’Europa occidentale non è sufficiente. La regione ha già fatto progressi ottimizzando la produttività attraverso un ampio utilizzo dell’automazione e della “robotizzazione”. Il processo è solo all’inizio e sono necessari ulteriori investimenti per avere una posizione favorevole. Automazione e digitalizzazione sono i punti chiave per rimanere competitivi in un contesto di aumento della produttività.

I paesi CEE non solo potrebbero beneficiare della loro principale industria manifatturiera - l'industria automobilistica - una volta superato lo shock del coronavirus e le debolezze cicliche, ma potrebbero attrarre la rilocalizzazione di altre industrie dedicate alla produzione di apparecchiature elettriche ed elettroniche e di macchinari, prodotti chimici, trasporti e stoccaggio.

La regione potrebbe adattarsi rapidamente alla domanda, se le catene di approvvigionamento di industrie specifiche fossero disposte ad aumentare la propria quota o ad entrare nella regione. Molti anni fa, i principali paesi della CEE hanno attratto investimenti in settori a basso valore aggiunto. Questa volta potrebbe nascere un'opportunità simile per i Balcani occidentali. Questi paesi hanno già attratto investimenti nel settore auto, apparecchiature elettriche, macchinari, prodotti chimici e metalli e sono ben posizionati per accogliere ulteriori rilocalizzazioni nelle industrie manifatturiere. Inoltre, vi è una significativa opportunità di esternalizzare i servizi alla CEE grazie alla digitalizzazione e un ampio bacino di talenti nel settore delle tecnologie della comunicazione e dell’informazione. La recente pandemia ha confermato che molti lavori possono essere svolti da casa, il che significa che possono essere situati altrove rispetto alla posizione domestica originale del posto di lavoro. Se i paesi della CEE investiranno ulteriormente nella digitalizzazione, l'afflusso di servizi potrebbe essere potenziato, in particolare nei paesi baltici e nei paesi della CEE più sviluppati, tra cui Repubblica Ceca, l'Ungheria, Polonia, Slovacchia e Slovenia.

 

 

 

 

 

 

 

Scarica questa pubblicazione : Focus sull’Europa centro-orientale (807,03 kB)

Contatti


Antonella VONA

Direttore Marketing & Comunicazione
TeL. : +39 (02) 48 33 56 40 
Email: antonella.vona@coface.com 

Top