ita-IT
20/07/2022
Blog articles

Business information: come conoscere davvero i propri partner commerciali

business information

La business information trasforma i dati in informazioni. Il processo di messa in sicurezza dell’azienda in merito alla tutela dei propri crediti nasce già in una fase embrionale della trattativa, ossia nel momento del primo approccio al cliente, alla sua storia aziendale, contestualizzandolo nel paese in cui opera e monitorando i rapporti di lavoro già esistenti con altre aziende.

Tutte queste variabili rappresentano una miriade di informazioni indispensabili per poter creare un quadro preciso dell’intero contesto in cui il lead (nuovo potenziale cliente) conosciuto si trova ad operare.

In questa fase in cui si gestiscono una moltitudine di dati economici occorre avere a fianco professionisti competenti capaci di trasformare quei dati in informazioni fondamentali per configurare una strategia precisa su come portare avanti la trattativa.

La valutazione dei lead è un’attività chiave per l’ampliamento del proprio business che non bisogna assolutamente tralasciare. Nel contesto attuale, caratterizzato da mercati estremamente complessi e volatili, l’80% delle aziende deve fronteggiare crediti insoluti e sottolineiamo che il 25% dei fallimenti è determinato da crediti non riscossi, causa di un progressivo deterioramento dei flussi di cassa (guarda anche il video).

 

Business Information: la chiave per gestire il rischio di credito

La gestione del rischio di credito è fondamentale per poter operare in tranquillità ed espandersi grazie a nuovi clienti e nuovi mercati. Ma, qualunque sia il settore in cui ci si trova a operare è possibile incontrare sul proprio percorso delle difficoltà e quella che in una fase iniziale poteva sembrare una grossa opportunità, può trasformarsi in un problema da gestire. Ma come? Ecco che, se siamo arrivati a questa domanda, qualcosa non è andato nel verso giusto. Con estremo ordine sui passaggi da compiere e risolutezza, Coface è al fianco delle aziende anche in questo caso e cercherà con tutti i mezzi a disposizione di recuperare il credito compromesso. Ma se potessimo tornare indietro? Rivolgendoci a Coface in una fase iniziale? Avremmo sicuramente trovato un partner con un bagaglio di esperienza e una gamma di informazioni puntuali, frutto del monitoraggio continuo di una popolazione di imprese ampia e rappresentativa, sia dal punto di vista settoriale sia geografico, in grado di fornire la Business Information di cui abbiamo bisogno.

Coface Selectio e ICON: saper gestire le informazioni

Coface Selectio è una piattaforma di gestione del portafoglio clienti, che permette di visualizzare, a colpo d’occhio, la rischiosità di ciascun cliente servito.

Con un’accurata rielaborazione dei dati di mercato, arricchiti dell’esperienza dei comportamenti di pagamento, l’analisi di Coface sintetizza la distribuzione del rischio clienti per area geografica, per settore, per trend economico, secondo una scala di rischio su sei livelli.

Ecco quindi che, grazie alla Business Information e con una metodologia pianificata, si procede passo dopo passo al fianco delle imprese e delle loro necessità per approdare su nuovi mercati e nuovi clienti in sicurezza. I passaggi da compiere risultano, nel modus operandi di Coface, con una sequenza precisa:

  • selezionare i migliori clienti su cui puntare il business;
  • classificare i clienti e la relativa esposizione secondo sei categorie di rischio;
  • analizzare la ripartizione del rischio sia per area geografica sia per settore;
  • valutare l’andamento economico della clientela;
  • confrontare l’evoluzione del rischio e della solvibilità del portafoglio nel tempo secondo intervalli prescelti;
  • intercettare i clienti più rischiosi con comportamenti di pagamento negativi.

È fondamentale che tutte le informazioni inerenti al rischio di credito dei potenziali clienti e partner debbano essere sempre accessibili per poter effettuare le proprie valutazioni. Per questo è stata creata da Coface la piattaforma ICON accessibile in modalità 24/7 contenente moltissime informazioni provenienti da:

  • esperienze di pagamento registrate da Coface come assicuratore del credito;
  • agenzie di scoring e partner di informazioni selezionati;
  • database pubblici o di governo;
  • Open Data.

Con queste indicazioni è possibile valutare il rischio di credito oltre confine e decidere, basandosi su dati affidabili, la propria strategia di approccio, ottenendo da Coface perfino uno score di facile lettura per conoscere la probabilità che i debitori onorino gli impegni assunti.

Anche in questo caso la valutazione del rischio tiene conto di dati finanziari come redditività, solidità finanziaria e coefficienti di solvibilità, rimarcando ancora una volta che la business information è la chiave per conoscere davvero i propri partner commerciali.

Top