News & Pubblicazioni
03/12/2018
Pubblicazioni economiche

Insolvenze d’impresa in Francia: tutte le cose belle hanno una fine

Insolvenze d’impresa in Francia: tutte le cose belle hanno una fine

Il terzo trimestre 2018 segna un punto di svolta per le imprese francesi: per la prima volta da due anni, le insolvenze sono aumentate del 2,3% rispetto allo stesso trimestre l’anno precedente. Questa inversione di tendenza è in linea con il rallentamento della crescita dell’1,6% nel 2018.

Il riduzione della crescita francese è principalmente imputabile ai consumi delle famiglie, settori quali i servizi ai privati, il commercio alimentare al dettaglio e l’auto sono stati i più colpiti dall’incremento delle insolvenze. Anche il rallentamento dell’attività nel settore edilizio (27% del numero totale delle insolvenze) rispecchia la recente evoluzione delle insolvenze. La tendenza è la medesima nei servizi ai privati (una insolvenza su cinque).

Come previsto, finora l’inversione del ciclo ha colpito le piccole imprese con fatturato inferiore a 500.000 euro, che registrano un aumento delle insolvenze, al contrario delle imprese di maggiori dimensioni. Questa tendenza al rialzo, colpisce i due terzi delle regioni.

Si prevede un nuovo aumento delle insolvenze pari allo 0,8% nel 2019, dovuto, da una parte, al continuo rallentamento della crescita dovuto al persistere dei vincoli d’offerta e a un contesto internazionale meno favorevole (crescita meno dinamica dei paesi avanzati, aumento del protezionismo); dall’altra, si constata che le possibilità di sopravvivenza di un’impresa risultano a malapena superiori al 50% dopo i cinque di vita.

L’evoluzione dello stato finanziario delle imprese negli ultimi anni è paradossale: da una parte, un tasso di insolvenza e una redditività in costante miglioramento, dall’altra performance deludenti a livello internazionale, come mostra l’accentuazione del deficit commerciale. Uno degli elementi chiave in risposta a questo paradosso, sta nella scelta delle imprese di trasferire solo in parte gli aumenti di competitività registrati tra il 2014 e il 2016 sui prezzi, al fine di accrescere il margine di profitto. La maggior parte dei settori chiave all’esportazione, come l’auto, la farmaceutica, l’aeronautica o l’industria agroalimentare hanno assistito al miglioramento dei margini e al peggioramento della bilancia commerciale. Tuttavia, alcuni settori se la sono cavata, aumentando il loro surplus commerciale come ad esempio l’industria meccanica, la chimica, le bevande alcoliche o ancora gli strumenti di precisione. Il consolidamento dei margini nei settori chiave all’esportazione potrebbe rivelarsi un vantaggio per attenuare l’impatto del rallentamento della domanda mondiale nel corso dei prossimi anni.

Mini-Panorama-150x215px (12)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Scarica questa pubblicazione : Insolvenze d’impresa in Francia: tutte le cose belle hanno una fine (317,82 kB)

Contatti


Antonella VONA

Direttore Marketing & Comunicazione
TeL. : +39 (02) 48 33 56 40 
Email: antonella.vona@coface.com 

Top
  • Italian