News & Pubblicazioni

In primo piano

03/12/2018
Pubblicazioni economiche

Tutte le pubblicazioni Coface

27/11/2018
Pubblicazioni economiche

Le PMI cinesi: l’anello debole dell’economia?

Quando si parla di rischio nell’economia cinese, molte delle discussioni si concentrano sulle grandi imprese statali o sui grandi conglomerati privati. Le tensioni che colpiscono un gruppo sottovalutato di imprese più piccole hanno il potenziale per diventare molto più distruttive: le medie e piccole imprese (PMI) contano per la maggior parte delle imprese e per una parte considerevole dell’occupazione. La necessità di affrontare i rischi di stabilità finanziaria associati al vasto indebitamento aziendale della Cina - la maggior parte dei quali erano storicamente legati a imprese statali - ha fatto sì che le PMI si affrettassero ad accedere alle risorse finanziarie per soddisfare il capitale operativo e le esigenze di espansione a lungo termine.

Leggi tutto
08/11/2018
Pubblicazioni economiche

Energia eolica

L’energia eolica avrà indubbiamente un futuro brillante: molti paesi nel mondo sono desiderosi di sviluppare questa fonte di potere grazie ai costi di produzione vantaggiosi, alla facilità d’uso e all’abbondanza di vento.

Leggi tutto
26/10/2018
Pubblicazioni economiche

Emirati Arabi Uniti: un posto nel nuovo commercio mondiale?

Gli Emirati Arabi Uniti (EAU) sono la seconda più grande economia diversificata nei paesi del Consiglio di Cooperazione del Golfo (GCC). Grazie agli sforzi delle autorità per diversificare le esportazioni negli ultimi tre decenni, la quota del settore petrolifero nel PIL e le esportazioni nel complesso sono diminuite rispettivamente del 30% e del 16% nel 2016 (rispetto al 43% e al 76% nel 2001). Il paese è diventato un hub regionale per il commercio e la logistica. Questo stimolo di nuove industrie ha aiutato la federazione ad aumentare il proprio vantaggio comparato in alcuni settori come i metalli, i minerali e la plastica, mantenendo allo stesso tempo la propria competitività nel settore petrolifero.

Leggi tutto
17/10/2018
Pubblicazioni economiche

Protezionismo commerciale americano

Protezionismo commerciale americano: quali effetti a catena sulle filiere del valore a livello mondiale?

Leggi tutto
15/10/2018
Pubblicazioni economiche

Ridistribuzione dei giochi nei mercati emergenti

Lo scorso trimestre è stato segnato dal continuo aumento dei prezzi del petrolio così come dalle fuoriuscite di capitale da parte dei mercati emergenti, che hanno alimentato il deprezzamento delle valute (grafico 2, pag 4). La scorsa estate, il peggioramento delle crisi valutarie in Argentina e Turchia (da qui il declassamento delle valutazioni rischio paese nel 2° trimestre) hanno rappresentato dei casi emblematici.

Leggi tutto
02/10/2018
Pubblicazioni economiche

Insolvenze in Europa centrale e orientale

Un contesto economico favorevole non è sufficiente a ridurre le insolvenze d’impresa in Europa centrale e orientale (CEE). Mentre la crescita media del PIL ha subito un’accelerazione del 4,5%, il livello più alto in nove anni, le insolvenze sono aumentate del 6,4%. Quest’ultimo dato pone fine al trend di miglioramento delle insolvenze d’impresa, diminuite sia nel 2015 che nel 2016. Nel 2017 si è assistito a un incremento delle procedure di insolvenza in nove paesi, soltanto cinque hanno registrato un calo. Questa diversità regionale indica un’ampia varietà di dinamiche, che vanno da una diminuzione delle insolvenze del 27,1% in Slovacchia, a un lieve aumento del 2,4% in Estonia, a un’impennata del 40,1% in Croazia.

Leggi tutto
21/09/2018
Pubblicazioni economiche

I rischi politici crescenti offuscano le prospettive delle economie asiatiche

Secondo il Modello di Rischio Politico Coface, in Asia i rischi politici sono aumentati. Al momento l’Asia si classifica al di sopra della media globale in termini di rischio politico, dietro a Medio Oriente, Nord Africa (MENA), Africa sub-sahariana e America Latina. Sebbene in Asia i rischi politici siano rimasti complessivamente stabili rispetto agli altri paesi del mondo, ci sono importanti eccezioni. In futuro, tali rischi potrebbero offuscare la prospettiva per alcune economie. Molte fonti sistemiche di rischio politico sono correlate alla crescita dinamica del continente e alle fragilità sociali esistenti. Sembra infatti che la maggior parte delle evoluzioni del rischio negli ultimi anni siano state causate dall’aumento delle fragilità politiche, associate a una diffusione di sistemi di governo meno democratici.

Leggi tutto
21/08/2018
Pubblicazioni economiche

Imprese in Grecia: finalmente una nuova partenza?

Mentre la Grecia si prepara ad uscire dal terzo piano di salvataggio, i segnali di ripresa economica si moltiplicano: il 2017 è stato segnato dal ritorno di una crescita positiva (+1,4%). Malgrado il rallentamento nella zona euro, il PIL greco dovrebbe crescere del 2% quest’anno. Nel primo semestre 2018, le famiglie e le imprese greche erano più ottimiste rispetto al 2017.

Leggi tutto
20/07/2018
Pubblicazioni economiche

Comportamento di pagamento delle imprese in Asia nel 2018: i giganti regionali alle prese con i rischi di credito in aumento

L’analisi Coface sul comportamento di pagamento delle imprese nel 2018 prende in considerazione nove economie. La raccolta dei dati si è svolta nei primi quattro trimestri del 2017, con circa 3000 imprese intervistate. In Asia, le imprese intervistate hanno subito pressioni per estendere ulteriormente i termini di pagamento. I termini medi di pagamento sono aumentati a 64 giorni nel 2017, rispetto ai 59 giorni del 2016, in linea con il trend osservato in Asia dal 2015. Secondo l’analisi Coface, anche i ritardi di pagamento sono aumentati nel 2017. La percentuale di intervistati coinvolta in ritardi di pagamento superiori a 120 giorni è aumentata del 16,5% nel 2017, dal 12,5% nel 2016. In Cina e India i ritardi di pagamento sono i più lunghi, in Malesia, Taiwan e Giappone i più brevi. Le differenze emergono anche tra i settori: i settori energetico ed edilizio hanno registrato la percentuale più elevata di intervistati che hanno dichiarato ritardi di pagamento di 90 giorni o oltre.

Leggi tutto
09/07/2018
Pubblicazioni economiche

Barometro del rischio paese e settoriale 2° trimestre 2018

Aumento degli spread del debito sovrano nella zona euro, incremento del protezionismo e del prezzo del petrolio, uscite di capitale dai grandi paesi emergenti: nel secondo trimestre 2018, i segnali di rischio si sono moltiplicati. Molti hanno un’aria di déja vu e ricordano gli anni 2012-2013. All’epoca il FMI evidenziava che la crisi della zona euro era sempre attuale e che l’aumento delle tensioni geopolitiche e i suoi effetti sui prezzi del petrolio erano i rischi principali con conseguenze sulla crescita mondiale. Malgrado il FMI avesse un certo ottimismo nei confronti dell’economia americana, dopo la breve pausa del 2010-2011 i rischi di ricaduta in una recessione (“double-dip”) avevano fatto notizia in molti paesi per tutto il 2012.

Leggi tutto
02/07/2018
Pubblicazioni economiche

Corsa alle quote di mercato in Africa

Nel dicembre 2013, a Parigi, si è tenuto il Forum per la creazione di una nuova partnership economica allo scopo di rilanciare il commercio tra la Francia e il continente africano. In chiusura del Forum, il Presidente Francois Hollande ha annunciato l’ambizioso obiettivo di “raddoppiare gli scambi economici tra Francia e Africa” in soli cinque anni. Qualche mese più tardi, il crollo dei prezzi del petrolio spegneva tutte le speranze di raggiungere l’obiettivo, e allo stesso tempo riduceva il valore totale del commercio (somma di importazioni ed esportazioni) tra le due zone da 73 miliardi di dollari nel 2013 a 54 miliardi l’anno successivo. Nel 2017, la Francia ha perso anche lo status di primo fornitore europeo del continente africano, a beneficio della Germania.

Leggi tutto
11/06/2018
Pubblicazioni economiche

Analisi del settore siderurgico

Da metà 2016, i metalli di base e ferrosi più commercializzati hanno beneficiato di un mercato in crescita. I prezzi sono aumentati grazie a una crescita economica globale solida e a cambiamenti tecnologici che hanno innescato un’impennata dell’uso dei metalli.

Leggi tutto
06/06/2018
Pubblicazioni economiche

Rischio politico in America Latina: ritorno al futuro?

Dal 2014 l’America Latina sta passando un periodo difficile. Il crollo dei prezzi delle materie prime ha colpito l’attività economica su diversi fronti (quali calo degli investimenti, diminuzione delle entrate da esportazione e un bilancio pubblico ridotto).

Leggi tutto
31/05/2018
Pubblicazioni economiche

Studio 2018 sul comportamento di pagamento delle imprese in Turchia: si allungano i termini di pagamento tra previsioni economiche positive

Coface pubblica il primo studio sul comportamento di pagamento delle imprese in Turchia con l’obiettivo di analizzare la situazione deitermini di pagamento nei diversi settori, l’approccio delle imprese alla gestione del credito e la valutazione delle esperienze di pagamento future. La raccolta dei dati è avvenuta a gennaio e febbraio 2018 tramite contatto telefonico di 2615 imprese in 81 città. Mentre il 73% degli intervistati ha dichiarato di aver utilizzato le vendite a credito con i propri clienti, il 35,3% ha affermato di non aver una direzione credito in azienda. Solo lo 0,1% ha dichiarato di avere una direzione incaricata della gestione dei crediti commerciali.

Leggi tutto
23/05/2018
Pubblicazioni istituzionali

Cofamagazine 47

Con un numero completamente rivisto nella grafica e nelle immagini, Coface presenta il Cofamagazine 47.
Primo Piano: Piano Industria 4.0: quali imprese ne beneficiano e come lo affrontano 4. Il ruolo innovativo degli incubatori tecnologici Case History: Longino & Cardenal, l’appetito vien viaggiando Scenario: Le nuove rotte commerciali del Mediterraneo Intervista: «Dobbiamo puntare sull’alternanza scuola-lavoro» Francesco pastore, Docente di Economia Politica Università degli Studi di Napoli Micro-macro: Il picco della crescita mondiale è già alle nostre spalle News Dicono di Noi.



Leggi tutto
17/05/2018
Pubblicazioni economiche

Balcani occidentali e unione europea: i legami politici seguono quelli economici

Malgrado i conflitti regionali, la crisi finanziaria del 2007-2008 e la crisi della zona euro del 2009-2011, i paesi dei Balcani occidentali1 hanno sviluppato una forte prossimità economica con l'Unione europea attraverso una serie di accordi regionali e bilaterali. A causa di ostacoli istituzionali, economici e diplomatici, l'adesione all'UE sarà un processo lungo ma allo stesso tempo probabile, grazie all'importanza strategica della regione e al rafforzamento delle condizioni di ingresso, (o lo status di prea-ingresso), in particolare perché l'adesione potrebbe allontanare la regione dall’interesse di altre parti (Russia, Cina).

Leggi tutto
03/05/2018
Pubblicazioni economiche

Rischio di cambio in Africa: allentamento nel 2018 ma le riserve si stanno esaurendo

Il rischio di cambio è ancora elevato sul continente africano: testimone il deprezzamento di oltre il 30% del kwanza angolano dopo la liberalizzazione parziale del regime di cambio a gennaio 2018. Lo shock del calo dei prezzi delle materie prime, e in particolare quello del petrolio a partire dall’estate 2014, ha destabilizzato numerosi paesi africani. Sulla scia della scarsa performance delle sue principali economie (Nigeria, Sudafrica e Angola), la crescita della regione ha rallentato al suo livello più basso per 20 anni nel 2016. Oltre al rallentamento dell’attività, l’evoluzione dei prezzi dei prodotti di base ha portato al peggioramento dei termini di cambio e con pressioni al ribasso per la maggior parte delle valute africane.

Leggi tutto
19/04/2018
Pubblicazioni economiche

Barometro rischio paese e settoriale 1° trimestre 2018: il picco di crescita è passato

Nel 1° trimestre i segnali economici positivi hanno continuato ad accumularsi: crescita sostenuta degli investimenti e situazione prossima alla piena occupazione nella maggior parte dei paesi che spingono le famiglie a consumare di più.

Leggi tutto
19/04/2018
Pubblicazioni economiche

Le nuove rotte commerciali nel Mediterraneo

Il ritorno del protezionismo sulla scena internazionale ha puntato i riflettori sugli accordi di libero scambio. Ora che l’America si è chiusa, altre regioni del mondo hanno deciso di aprirsi, ridisegnando le alleanze commerciali. Questo nuovo slancio di liberalizzazione potrebbe ridare fiato a un tentativo di cooperazione innescato da quasi una trentina d’anni in una delle più antiche regioni commerciali del mondo. I paesi del bacino del Mediterraneo si sono lanciati nel 1995 in un ampio progetto di creazione di uno spazio economico integrato. L’ Accordo di Barcellona, è un accordo globale di libero scambio, costruito sul modello europeo, e con l’obiettivo di far diventare il Mediterraneo uno spazio di libera circolazione di beni. A che punto siamo oggi?

Leggi tutto
10/04/2018
Pubblicazioni economiche

Studio sul comportamento di pagamento delle imprese cinesi nel 2018: aumentano i ritardi malgrado una crescita rapida e solida

La crescita cinese ha assistito a una ripresa nel 2017. Il PIL è aumentato da 6,7% nel 2016 a 6,9% nel 2017, favorito da una domanda forte e dall’allentamento della politica fiscale e monetaria. Di conseguenza, i risk manager sono diventati più compiacenti, sia sulle previsioni economiche che sulle procedure di gestione del rischio.

Leggi tutto
Top
  • Italian